Antifurto e IMEI - babaiaga

strega con scopa
Informatica per principianti
Babaiaga
prova
Vai ai contenuti

Antifurto e IMEI

Android > Android&cellulari
I nostri smartphone sono sempre più simili a dei computer in miniatura dove sono memorizzati dati personali, numeri di telefono, fotografie, indirizzi e altro.

Se  consideriamo la frequenza sempre più elevata di collegamenti a internet e l'installazione sempre maggiore di applicazioni, risulta evidente la necessità di proteggere il nostro investimento da accessi non autorizzati e dal rischio di  perdita o furto.

celluare con ladro
Proteggere lo schermo con una password è cosa utile ma non sufficiente.

Proteggere la Sim, con il classico codice PIN, non è una misura di sicurezza efficace. Basta cambiare SIM per far funzionare di nuovo il cellulare e vedere tutti i dati salvati nella memoria dello smartphone e nella microSD.

Alcune App, tra le migliori, per proteggere e ritrovare il nostro smartphone:

Eset
logo eset
Premi sull'immagine
Kaspersky
logo kaspersky
Premi sull'immagine
Comodo
logo comodo
Premi sull'immagine
Security master
logo cm security
Premi sull'immagine
App alternative
scritta ritrovare android
Tra parentesi il valore di gradimento  in play.google.

- Wheres my Droid  (4.5) Essa permette di localizzare il telefono cellulare utilizzando Google maps ed anche prevenire usi non autorizzati e cancellare immediatamente tutti i dati, con comandi a distanza inviabili via SMS

- AndroidLost (4.2) è un'applicazione gratuita per telefoni Android che, in combinazione con un'interfaccia web, permette di ritrovare o bloccare un telefono se viene perso o se viene rubato.
AndroidLost è un'applicazione abbastanza particolare perché quello che viene installato sul telefono è solo un ricevitore, senza alcuna interfaccia grafica.
AndroidLost si lega all'account Google registrato sul telefono e permette di controllare lo smartphone da internet, dal sito AndroidLost.com
 
- Lookout, (4.4) una applicazione per la sicurezza completa del telefonino.
Lookout permette di localizzare il telefono perso, di bloccarlo, di cancellare tutti i dati, anche se la batteria è scarica, a distanza, dal proprio pc.

- Cerberus (4.3) è un'app antifurto tra le migliori in assoluto, che permette di localizzare il telefono Android perso con molte funzioni.
L'applicazione ha tutte le funzioni di un antifurto per cellulare: allarme intrusione, controllo tramite SMS, allarme cambio SIM, fotografare il ladro usando la fotocamera frontale, registrazione audio dal microfono, visualizzazione ultime chiamate fatte e tanto altro.

Dal corso UTE, università terza età, di Como: "... Dall'1 luglio 2004 è entrato in vigore l'accordo tra i gestori nazionali di telefonia mobile per rendere inutilizzabile il telefono cellulare anche se si cambia la scheda telefonica (SIM).

L'operazione è possibile in quanto ogni cellulare possiede un codice identificativo: codice IMEI (International Mobile Equipment Identity). Sequenza di 15 numeri..."

Si può fare un'analisi del codice IMEI presso: numberingplans.

Il codoce IMEI si trova:

1 -  Tramite l'inserimento di un codice numerico nel la tastiera del cellulare quando esso è acceso,*#06#.
2 - Sulla  scatola originale del cellulare o sotto la batteria.

Il codice IMSI, invece è un numero univoco che viene memorizzato in ogni SIM e permette di risalire e rintracciare l'utente  a cui è registrata la SIM.

Le case produttrici stanno sviluppando software adeguati alla protezione da virus e per il ritrovamento del cellulare in caso di perdita.

Ricordiamoci che basta resettare il cellulare alle condizioni di acquisto per eliminare e vanificare ogni forma di protezione, eccetto i codici IMEI e IMSI.


scritta imei con lucchetto
scritta imei con lucchetto
APPROFONDIAMO IMEI
 

Il numero IMEI è molto importante per identificare il cellulare e vale la pena segnarselo per bloccarlo nel caso si perda il telefonino o se venisse rubato.
 

Quando un telefonino si attacca ad una rete mobile, sia 3G o altro esso si registra inviando il numero identificativo.

Se questo numero fa parte della lista nera dei cellulari rubati, allora non potrà collegarsi alla rete e non sarà in grado di telefonare.

Il blocco però riguarda le reti nazionali quindi, se tale cellulare venisse usato all'estero, in un altro paese, funzionerà normalmente.

Questo discorso non vale se si utilizzasse una scheda SIM straniera perché, in tale caso, essa si collegherà in roaming ad una rete nazionale e l'accesso verrà bloccato.

L'IMEI non ha alcuna relazione con la carta SIM quindi se il telefono venisse rubato, e venisse cambiata la scheda SIM, il numero IMEI non cambierà.
Modificare codice IMEI sarebbe possibile in alcuni casi, ma la procedura è, ovviamente, illegale.

Se il telefono venisse rubato: andare, prima, dai carabinieri per sporgere denuncia del furto.
Per bloccare un cellulare: con la denuncia in mano, recarsi in un negozio Vodafone, Tim, Tre,  Wind o altro per bloccarlo.
Il modulo per fare la denuncia di smarrimento del telefono cellulare ed il blocco tramite IMEI si può trovare anche online sul sito Moduli.it o utilizzare gli appositi moduli messi a disposizione dagli operatori telefonici.

Di seguito i link per l'assistenza in caso di furto e relativa modulistica:


Possiamo anche rivolgersi ad un negozio (consigliato) dei vari operatori telefonici, portando la denuncia fatta ai carabinieri, per bloccare il codice IMEI del tuo cellulare e per il blocco della SIM (IMSI).

Sapevate che ...
In Android c'è un sistema preinstallato di rilevazione e localizzazione del cellulare Trova il mio dispositivo. (impostazioni > sicurezza > Altre impostazioni > Amministrazione ( > amministratori) dispositivo > attivare “trova il mio dispositivo”.

2002 Babaiaga
___________
w3c html5 validazione
Torna ai contenuti